Il Consorzio Technapoli

Technapoli, costituito nel 1992, è il Parco Scientifico e Tecnologico dell’area metropolitana di Napoli e Caserta, riconosciuto con Deliberazione MURST (oggi MiUR) del 25 marzo 1994 (GURI n.187 dell’11 agosto 1994), nonché Organismo di Ricerca ai sensi dei Reg.ti CE n. 800/2008 e UE n. 651/2014.
Tra i consorziati Technapoli sono presenti soggetti pubblici ed imprese private, con una significativa partecipazione della Camera di Commercio di Napoli.

Obiettivo strategico e istituzionale di Technapoli è quello di incrementare la competitività del sistema economico territoriale attraverso interventi volti a favorire la ricerca e l’innovazione tecnologica, l’internazionalizzazione delle imprese e l’attrazione di investimenti esteri.

finanza e innovazione

Le imprese, in particolare quelle piccole e medie, necessitano di fonti di finanziamento per la ricerca al fine di acquisire innovazioni per incrementare la propria competitività.

Technapoli mette a disposizione personale altamente qualificato che fornisce informazioni costantemente aggiornate sui bandi relativi alla ricerca e sviluppo, all’innovazione e al trasferimento tecnologico, a livello regionale, nazionale e comunitario.

L’obiettivo è di supportare la realizzazione di attività da parte delle imprese, che possa poi sfociare in tecniche, metodi, tecnologie utilizzabili dalle stesse per incrementare la propria competitività. In fase di progettazione Technapoli affianca le imprese per:

  • Definire l’idea progetto
  • Identificare la forma di finanziamento più appropriata
  • Interagire con l’Ente finanziatore
  • Coordinare la progettazione.

In fase di gestione del progetto, Technapoli affianca le imprese per:

  • Individuare gli obiettivi
  • Analizzare i possibili fattori di rischio, quantificandone la probabilità di manifestazione e determinandone l’impatto sul progetto
  • Costituire gruppi di lavoro interfunzionali caratterizzati da professionalità interdisciplinari
  • Monitorare lo stato di avanzamento
  • Valorizzare i risultati
  • Coinvolgere utenti pilota
  • Attivare azioni di diffusione.

Per l’accesso al capitale di rischio (Merchant bank, Venture Capital) ed al credito ordinario, Technapoli offre i seguenti servizi:

  • Valutazione dell’iniziativa e del settore di intervento
  • Analisi del mercato di riferimento
  • Analisi dei fabbisogni finanziari e dei risultati economici attesi
  • Redazione del business plan
  • Predisposizione della documentazione necessaria per l’accesso al capitale di rischio
  • Predisposizione della domanda di finanziamento bancario o leasing
  • Supporto nella redazione dei progetti tecnici.

proprietà intellettuale

Tra le varie attività svolte, tutte mirate alla diffusione dell’innovazione nell’area di riferimento (Regione Campania), particolare rilievo assumono quelle relative alla promozione e valorizzazione della tutela della proprietà intellettuale con riferimento a:

–    Informazione, intesa come informativa sull’importanza della tutela della proprietà intellettuale e come accesso alle informazioni brevettuali, in particolare per le imprese che intendono acquisire o sviluppare innovazione tecnologica.
Dal 1998 infatti Technapoli fa parte della rete europea dei centri PATLIB, biblioteche brevettuali dedicate alla diffusione e alla tutela della proprietà intellettuale, sorte grazie alla stipula di apposita convenzione con l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi dell’allora Ministero dell’Industria, del Commercio e dell’Artigianato.
Presso il centro PATLIB è possibile usufruire dei seguenti servizi:

  •   verificare l’originalità e l’unicità di un’invenzione;
  •   trovare soluzioni a problemi tecnici;
  •   conoscere le tendenze tecnologiche in Italia e all’estero;
  •    monitorare le attività di ricerca e sviluppo delle imprese leader o dei propri concorrenti;
  •   accertare lo stato della tecnica per orientare le proprie ricerche;
  •    verificare la titolarità e il contenuto di un brevetto da chiedere in licenza.

Il servizio copre sia brevetti europei EP sia quelli internazionali PCT.È possibile inoltre estendere il campo di attività anche alla ricerca nel settore dei marchi d’impresa e fornire assistenza per il deposito di brevetti e per la registrazione di marchi.
Dal 2002 Technapoli supporta l’Ufficio Brevetti e Marchi della CCIAA di Napoli, per conto del quale ha progettato, realizzato e gestisce la Sala di Consultazione Marchi e Brevetti, che evade in media circa 700 richieste all’anno.

–    Valorizzazione economica, poiché i brevetti costituiscono delle risorse immateriali cui è possibile attribuire un valore. L’attività di valorizzazione economica è stata portata avanti in una prima fase (2002-2004), con l’ausilio di un gruppo di econometristi di diverse Università italiane che hanno contribuito alla predisposizione di una proposta progettuale che prevede la realizzazione di un set di modelli di valutazione di un singolo brevetto o di un portafoglio brevetti, giustificato da robuste ipotesi teoriche e avvalorato dall’analisi empirica e supportato da un sistema informativo. Dal marzo 2005, di concerto con l’Ufficio Italiano Marchi e Brevetti del M.A.P., Technapoli coordina le attività di un gruppo di lavoro dedicato alla individuazione di tale set modelli, cui afferiscono diverse Università, imprese e associazioni di categoria.

Il Portale IDEAM
Al fine di mettere a frutto e proiettare nel futuro la propria decennale esperienza nel campo della tutela della proprietà intellettuale, Technapoli ha realizzato il Portale Ideam.
Il portale Ideam offre un inedito spazio di confronto e scambio per le intelligenze nell’ottica dell’Open Innovation, ma soprattutto mette a disposizione un vero e proprio MarketPlace dell’innovazione, in cui offrire e ricercare soluzioni innovative, brevettate o meno.
I servizi di Ideam sono rivolti sia a chi offre nuove tecnologie ed innovazioni (università, centri di competenza, centri di ricerca, poli tecnologici, inventori) sia a chi la chiede (aziende, investitori, pubbliche amministrazioni).
Ideam offre agli utenti:

  •  possibilità di inserire la propria richiesta/offerta di tecnologia nel database e darle ampia visibilità;
  •  accesso alla navigazione del MarketPlace dell’innovazione tecnologica;
  •  accesso all’informazione ed alla consulenza brevettuale;
  •  assistenza personale del BackOffice nella ricerca/offerta di nuove tecnologie in base alle esigenze specifiche dell’utente, per il quale verrà avviata una pratica ad hoc costantemente aggiornata fino al raggiungimento del matching;
  • supporto del BackOffice nell’acquisizione/vendita di tecnologia;
  • aggiornamento sulle opportunità e sulle fonti di finanziamento per attività a forte contenuto innovativo.

servizi telematici

Il Consorzio Technapoli dispone di un Data Centre dotato di un’infrastruttura telematica d’avanguardia e di una Unità Operativa ICT costituita da professionisti con esperienza pluriennale e da giovani neolaureati.

Facendo leva sulle competenze acquisite attraverso numerosi progetti di Ricerca e Sviluppo in ambito ICT, Technapoli è in grado di progettare e gestire applicazioni e sistemi e di erogare innovativi servizi on-line (Business on Demand).

Nell’erogazione dei servizi telematici Technapoli si avvale anche di una rete di collaborazioni e partnership con i propri consorziati e con piccole e medie imprese della Campania.

I servizi erogati sono:

  • Gestione Documentale, intesa come condivisione di documenti da parte di vari utenti 
  • Soluzioni e strategie di Marketing per il WEB 
  • Gestione di network virtuali tra cluster in aree di collaboration 
  • Business Process Management 
  • Knowledge Management: sistemi per l’archiviazione, la classificazione e la ricerca di documenti 

networking

Technapoli svolge costantemente un’azione di networking a livello locale, nazionale ed internazionale coerentemente con la sua mission.

Sul territorio della regione Campania, il Consorzio opera  per consolidare il tessuto imprenditoriale favorendo l’aggregazione di Piccole e Medie Imprese con forte vocazione all’innovazione tecnologica.

Sullo scenario internazionale, il Consorzio collabora attivamente con partner europei nell’ambito delle reti:

  • Pat-Lib Centres dell’European Patent Office (Ufficio Europeo Brevetti). L’EPO per facilitare l’accesso all’informazione brevettuale, si serve di una rete di Info Centre Europei (PATLIB INFO CENTRES) collegati a un centro principale ubicato a Vienna. Presso il Consorzio Technapoli è attivo dal 1998 uno dei Patent Library Italiani, in forza di apposita convenzione stipulata con l’allora Ministero dell’Industria, del Commercio e dell’Artigianato (oggi Ministero dello Sviluppo Economico).
  • ECARE – European Communities Aeronautic Research. Rete, attiva dal febbraio 2003, che promuove la partecipazione delle PMI del settore aeronautico a progetti finanziati nell’ambito dei Programmi Quadro di Ricerca e Sviluppo dell’Unione Europea.
  • CEBR – Consiglio Europeo delle Regioni Biotecnologiche. Network europeo di bio-cluster territoriali (prevalentemente Parchi Scientifici e Tecnologici) impegnato nello sviluppo di relazioni sinergiche tra le bio-comunità europee.

L’attività di networking condotta negli ultimi anni dal Consorzio nel settore dell’Aerospazio è stata particolarmente intensa; Technapoli ha gestito, promosso o favorito diversi accordi di rilevo internazionale:

  • il protocollo d’intesa con AIDN (l’Australian Industry & Defence Network) finalizzato a promuovere e coordinare congiuntamente lo sviluppo dell’industria aerospaziale nelle rispettive aree di competenza;
  • l’ingresso della Regione Campania nell’EACP – European Aerospace Cluster Partnership, la rete di cluster aerospaziali europei che mira a fornire una piattaforma per uno scambio reciproco e la realizzazione di progetti di cooperazione trans-nazionale;
  • il protocollo d’intesa tra la Provincia di Napoli ed il Governo di San Pietroburgo. Il protocollo mira a contribuire allo sviluppo dei rapporti economici fra imprese, centri di ricerca e parchi scientifici tecnologici operanti nel territorio di competenza dei due enti nel settore dell’aeronautica e dell’industria aerospaziale;
  • il protocollo d’intesa tra la Regione Campania e la Libera Città di Amburgo. Il protocollo prevede la realizzazione di una serie di eventi per verificare le opportunità di cooperazione nei settori aeronautico/aerospaziale, trasporti e logistica, formazione di giovani risorse umane qualificate.

L’azione di Networking prosegue quotidiamente con la gestione del portale Aerospazio Campania, al servizio del comparto industriale dell’aeronautica e dello spazio della regione Campania.